Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/121: IL TORNEO AIGG DIAVOLINA FA TAPPA IN PIEMONTE

I giornalisti si sfidano a Cavaglià e a Biella


TREVISO - In terra piemontese la quinta e sesta tappa del calendario AIGG, sono state ospitate in due realtà particolarmente espressive: il Golf Club Cavaglià e Il Golf “Le Betulle” di Biella. Due Campi che nell’ambito pur considerevole dei Golf piemontesi, spiccano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/120: L'ITALIAN PRO TOUR RIPARTE DA MONTECCHIA

La pioggia non ferma il torneo nel golf club padovano


MONTECCHIA - A dieci anni dalla nascita dell’Italian Pro Tour, è stato il Golf Club Montecchia a ospitare il primo dei due Challenge, importanti tappe del circuito italiano del Golf professionistico nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022, che hanno significato anche per il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/119: ARBITRI, ASSOCIAZIONE IN CRESCITA

L'Aiag ha tenuto la sua assemblea a Modena


TREVISO - L’Aiag - Associazione Italiana Arbitri Golf ha tenuto la sua assemblea il 7 maggio, in quel bel luogo che è Golf Club Modena.  Costituita nel dicembre del 2013, associa a oggi 160 arbitri di golf italiani. Un trend di nuovi associati in crescita, che evidenzia...continua

ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

OPERAZIONE "ZERO IN CONDOTTA" CONTRO LO SMERCIO DI DROGA TRA STUDENTI TREVIGIANI


“Zero in condotta”, questo il nome dell'operazione eseguita dalla squadra mobile della Polizia di Treviso scattata alle prime luci dell'alba di questa mattina e che ha visto una serie di controlli e perquisizioni a casa di decine di studenti trevigiani, al fine di stroncare una fitta rete di smercio collaudata che si era creata nel tempo di sostanze stupefacenti come Ketamina, cocaina, Hashish, ecstasy, anfetamina.
I ragazzi fermati per smercio sono una decina, una trentina invece quelli segnalati come soli assuntori delle sostanze. Si tratta di giovani tra i 16 e i 18 anni, appartenenti a famiglia di diverse classi sociali.
Per due diciottenni è scattato il provvedimento di custodia cautelare presso una comunità delle vicinanze, mentre alcuni degli indagati sono accusati inoltre di aver compiuto atti vandalici alla scuola Serena di Treviso il 3 febbraio scorso.

Ai nostri microfoni, parla dell'operazione zero in condotta il questore di Treviso, dottor Filippi Lapi, e il capo della squadra mobile di Treviso, dottor Riccardo Tumminia.