Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Task force in tutta la Provincia, 28 esercizi controllati

CALL CENTER NEL MIRINO

Gravi irregolarità per "Atta & son's" di via d'Alviano


 

TREVISO - (nc) Nel mirino delle forze dell'ordine finiscono ora call center e money transfer della Marca: raffica di controlli nella giornata di lunedì da parte di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza in provincia. Sono ben 28 gli esercizi pubblici visitati con ben 128 stranieri identificati: solamente in uno di questi negozi gli agenti hanno riscontrato irregolarità. Si tratta dell'“Atta and son's” di viale d'Alviano a Treviso: la denominazione, tradotta in “Atta e figlio” evoca perlaltro in modo inquietante il nome del pianificatore dell'attentato dell'11 settembre alle Twin Towers, appunto Mohamed Atta. Per questo phone center-money transfer la Questura di Treviso ha richiesto al Comune la revoca della licenza. Il gestore infatti non teneva alcun registro contabile e tantomeno registrava, come prescritto, i fruitori del servizio. All'interno del negozio è stato fermato anche un clandestino 45enne: per lui, già espulso lo scorso mese di febbraio, scatterà ora l'espulsione.

 

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica