Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Laki Grisetti, 25 anni, finì in manette l'11 gennaio

SEI ANNI E MEZZO A UN GIOSTRAIO

Aveva hashish, cocaina e una calibro 9 illegale


 

 CASTELFRANCO – (gp) E' stato condannato a sei anni e mezzo di reclusione Laki Grisetti, giostraio 25enne nato a Trieste ma residente a Castelfranco Veneto, per spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi. Il giovane era stato arrestato l'11 gennaio di quest'anno nel campo nomadi di via Brenta a Castelfranco. I carabinieri dovevano controllare la presenza nel campo nomadi di Grisetti, già condannato per un furto e sottoposto agli arresti domiciliari per un furto. Il giovane aveva anche il divieto di entrare in contatto con altre persone al di fuori dei suoi familiari, ma quella sera gli uomini dell'Arma avevano notato un nutrito via vai di gente. Così entrarono nella roulotte scoprendo il giostraio in possesso di diversi grammi di hashish, uno di cocaina, e di una pistola semiautomatica, una Zastava calibro 9 con 5 cartucce nel caricatore e la matricola abrasa, che venne classificata come arma da guerra. Per il giovane scattarono immediate le manette e il trasferimento nel carcere di Santa Bona.