Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Laki Grisetti, 25 anni, finì in manette l'11 gennaio

SEI ANNI E MEZZO A UN GIOSTRAIO

Aveva hashish, cocaina e una calibro 9 illegale


 

 CASTELFRANCO – (gp) E' stato condannato a sei anni e mezzo di reclusione Laki Grisetti, giostraio 25enne nato a Trieste ma residente a Castelfranco Veneto, per spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi. Il giovane era stato arrestato l'11 gennaio di quest'anno nel campo nomadi di via Brenta a Castelfranco. I carabinieri dovevano controllare la presenza nel campo nomadi di Grisetti, già condannato per un furto e sottoposto agli arresti domiciliari per un furto. Il giovane aveva anche il divieto di entrare in contatto con altre persone al di fuori dei suoi familiari, ma quella sera gli uomini dell'Arma avevano notato un nutrito via vai di gente. Così entrarono nella roulotte scoprendo il giostraio in possesso di diversi grammi di hashish, uno di cocaina, e di una pistola semiautomatica, una Zastava calibro 9 con 5 cartucce nel caricatore e la matricola abrasa, che venne classificata come arma da guerra. Per il giovane scattarono immediate le manette e il trasferimento nel carcere di Santa Bona.