Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In tribunale le violenze al "San Benedetto da Norcia"

"VOGLIAMO RISARCIRE"

Le accuse: violenza sessuale e sequestro


PADOVA – (gp) Gli imputati per le sevizie al 23enne trevigiano avvenute nel dormitorio “San Benedetto da Norcia” di Padova, hanno chiesto di risarcire la vittima. I due ragazzi, uno trevigiano difeso dall'avvocato Stefano Pietrobon e l'altro veneziano difeso dall'avvocato Stefano Boscolo, sono accusati di violenza sessuale, sequestro di persona e ingiurie. Il gup Lara Fortuna, vedendo le parti concordi nel discutere di un risarcimento alla vittima, costituitasi parte civile con l'avvocato Gianfranco Crovace, ha rinviato l'udienza al prossimo 8 giugno, giorno in cui non si andrà probabilmente a sentenza in quanto i difensori sembrano orientati a chiedere che i loro assistiti vengano giudicati con rito abbreviato, non escludendo l'ipotesi di un patteggiamento. I fatti risalgono al 6 giugno 2006, quando la parte offesa, all'epoca dei fatti un 19enne trevigiano che frequentava l'istituto tecnico “Natta” di Padova e che dormiva nel convitto gestito dall'istituto agrario “Duca degli Abruzzi”, è rimasto vittima delle angherie dei due giovani. Dalla denuncia pare che il giovane, simpatizzante della destra estrema, sia stato legato al letto con del nastro adesivo mentre i due giovani prima scrissero sul suo corpo “Achtung maiale ebreo”, e poi presero una banana con l'intento di infilarla nelle parti intime del giovane. Alla scena assistettero diversi ragazzi, tra cui 4 minorenni anche loro indagati dal tribunale dei minori. La violenza, ripresa con un telefonino da uno dei presenti, terminò con l'arrivo di un educatore, che segnalò i fatti all'istituto, il quale decise per la sospensione dei giovani coinvolti.