Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

6 aprile 2009: la catastrofe. Ora si pensa a ricostruire

TERREMOTO, UN ANNO DOPO

Le Caritas trivenete fanno il punto sull'Abruzzo


Scuola di Roio Poggio

Terremoto dell’Aquila, un anno dopo. Sono passati 12 mesi dalla tragedia e se la ricostruzione è iniziata, è altrettanto vero che il travaglio degli aquilani è ben lungi dall’essere finito. La presenza delle Caritas di Triveneto a fianco delle comunità terremotate era iniziata subito: oltre alla presenza nelle tendopoli e nelle parrocchie, l’impegno delle Caritas prevede la realizzazione di opere permanenti, alle quali sono destinati i 3,5 milioni di euro raccolti nelle diocesi del Nordest. Oltre che per sostenere le spese vive della presenza in loco, i fondi servono per ricostruire strutture e per la creazione di strumenti di finanziamento in favore delle famiglie e il riavvio di piccole attività produttive.

Ad oggi, sono state già ultimate due strutture edilizie: a Roio Poggio un complesso scolastico per 150 scolari e a Bagno un centro comunitario polifunzionale.

 

Ma a che punto è la ricostruzione de L’Aquila? Secondo i dati del Commissario delegato per la ricostruzione, al 22 marzo 2010, 14.657 persone hanno trovato alloggio nelle strutture ricostruite secondo il Piano Complessi Sostenibili Ecocompatibili (enormi caseggiati), e 1.837 nei moduli abitativi provvisori (casette di legno). Molti altri aspettano di poter riparare le loro case o di ricevere quelle nuove: 794 vivono in due caserme all’Aquila, 4.110 sono in affitto in appartamenti requisiti dal Comune, 4.608 vivono in strutture alberghiere in altre province, 27.316 hanno trovato autonomamente un appartamento in affitto e per pagarlo ricevono un contributo mensile dallo Stato che varia tra i 300 e i 600 euro. La disoccupazione colpisce oltre 17.000 persone, mentre gran parte delle piccole e medie attività economiche non hanno riaperto i battenti.