Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cinque mesi ai tre ultras del Treviso Calcio

"LAPI...DIAMOLO": CONDANNATI

Erano accusati di minacce e imbattamento di immobili


TREVISO – (gp) Condannati per le scritte contro l'ex questore di Treviso Filippo Lapi. I tre Ultras del Treviso Calcio Leonardo Mariot, 33 anni, Nicola Usoni, 33 anni, entrambi residenti a Treviso e Samir Chemlal, 24 anni di Ponzano, sono stati riconosciuti come gli autori delle frasi di minaccia contro l'ex questore, come ad esempio “Lapi...diamolo”, sui muri dello stadio Tenni e di alcuni edifici di Piazza San Vito. Il giudice del Tribunale di Treviso ha inflitto loro una pena di 5 mesi di reclusione ciascuno per i reati di minacce e imbrattamento di immobili. I tre erano stati immortalati dalle telecamere di sorveglianza proprio al Tenni e in piazza San Vito, immagini che li avevano ritratti in azione e avevano permesso alla Digos di identificarli. Ma quel 22 marzo 2007 altre scritte erano apparse in città, sulle pareti del liceo classico “Canova” e delle scuole elementari “Prati” di via San Pelajo. In fase d'indagine ai tre ultras erano state attribuite anche quelle frasi in base alla vernice usata e alla grafia, ma la perizia grafologica alla quale sono stati sottoposti ha però accertato che quelle scritte sono state fatte da una mano diversa.