Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima una 15enne presa a manate e spintoni

BULLE ALLA FERMATA DEL BUS

La giovane avvicinata da una quindicina di coetanee


LANCENIGO – (gp) Ancora atti di bullismo tra giovanissimi. Ma a differenza delle ultime notizie di cronaca, questa volta i protagonisti della vicenda sono tutte ragazze. Una 15enne che abita in un istituto d'accoglienza di Treviso è stata avvicinata da una quindicina di coetanee alla fermata dell'autobus di Lancenigo. Erano le 15.30 di sabato quando il gruppo di bulle ha iniziato a colpire la giovane con manate e spintoni, dicendole di lasciare in pace una loro amica, la stessa giovane che per un periodo ha condiviso la stanza con la vittima. L'accusa è che la 15enne avvicinata dalle bulle le avesse preso dei vestiti, continuando a tempestarla di telefonate ed sms. La giovane, che nel frattempo ha perso anche l'autobus per tornare all'istituto, ha raccontato tutto alla sorvegliante della casa d'accoglienza, la quale ha informato la polizia dell'accaduto.