Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Anche la Gdf indaga la donna

MAITRESSE NEL MIRINO

I conti correnti di Bruna Zandoną sotto esame


TREVISO - (nc) Se Bruna Zandonà fosse condannata per sfruttamento della prostituzione dopo la bufera scoppiata la settimana scorsa in seguito ad un servizio andato in onda nel corso della trasmissione “Le Iene” di Italia Uno, i proventi illeciti potrebbero essere tassati dalla Guardia di Finanza. Ad annunciarlo è stato il comandante della Guardia di Finanza, Claudio Pascucci che si è messo a disposizione della Procura per ricostruire il reddito della donna che è anche sospettata di evasione fiscale. Nell'ambito dello scudo fiscale, Bruna Zandonà aveva fatto rientrare dalla Svizzera 150 mila euro: questa cifra sarebbe solo una parte del “tesoretto” della donna che in base a quanto ricostruito dai Carabinieri avrebbe altri conti e titoli. Il volume d'affari legato all'attività di sfruttamento della prostituzione potrebbe ammontare a centinaia di miglaia di euro: se fosse acclarato il reato di cui è accusata, Bruna Zandonà sarebbe costretta a fare i conti con il Fisco. Queste le parole del Comandante della Guardia di Finanza di Treviso, dottor Claudio Pascucci.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
16/04/2010 - "Non ha sfruttato nessuno"
15/04/2010 - "Nessuna tolleranza"
15/04/2010 - Casa chiusa in Procura
15/04/2010 - Un bordello a Treviso