Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sei trevigiani in aula per frode in commercio

VINO TAROCCO, A PROCESSO

Vendevano in Austria e Germania bottiglie false


TREVISO – (gp) Montepulciano d'Abruzzo imbottigliato a Cimadolmo, ma anche Chianti, Prosecco, Amarone, Frascati, Cabernet souvignon e Chardonnay. Sembrerebbe quasi una lista di vini doc, ma in realtà si tratta di una presunta frode in commercio per cui sei persone, rappresentanti di diverse società della Marca, sono finite a processo con l'accusa di aver venduto in Austria e Germania prodotti taroccati. Ettolitri di vino sequestrato assieme a centinaia di migliaia di bottiglie, le cui etichette venivano falsificate per commercializzare all'estero vini diversi da quelli che contenevano. Dovranno presentarsi davanti al giudice Paolo Pavanello, 56 anni di Monastier, amministratore della Alambicco di Treviso e della Globus Trading di Roma, Maurizio Bassetto, 67 anni di Cimadolmo e amministratore unico della azienda vinicola Bassetto, Bruno Zambon, 68 anni, di Castelfranco Veneto, amministratore legale della Trading di Roma, Valerio Rizzo, 60 anni di Morgano di Paese, amministratore legale della Alambicco dal 2004 al 2005. Tra le altre società coinvolte nella frode ci sono anche la Mare logistica di Torino e la Di Erre Gi di Milano, per la quale è finito a processo Antonio D'Alessio, 48 anni, considerato dagli inquirenti colui che forniva le fatture false per poter commerciare i prodotti all'estero.