Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel mirino della Procura tutto l'ex cda dell'azienda

CRAC ECON, NUOVI INDAGATI

Oltre al falso in bilancio, c'è l'ipotesi della bancarotta


TREVISO – (gp) La Procura di Treviso ha iscritto nel registro degli indagati altre tre persone per il crac della Econ, l'azienda di raccolta rifiuti con sede a San Fior fallita per un buco da un milione e 400 mila euro. Il sostituto procuratore Antonio De Lorenzi, titolare del fasciolo, ha chiesto una proroga alle indagini per chiudere il cerchio attorno ai vertici dell'ex municipalizzata di Conegliano. L'ipotesi di reato infatti pare destinata alla modifica: da falso in bilancio a bancarotta. Oltre all'ex amministratore delegato della società, Carlo Manfrenuzzi, nel mirino degli inquirenti sono finiti anche l'ex presidente Ennio Cozzolotto e Giuseppe Corona. Secondo la Procura trevigiana, il buco milionario della Econ era stato tenuto nascosto gonfiando il giro d'affari e falsificando i bilanci dell'azienda al fine di presentare ai possibili acquirenti della Econ un'azienda in salute, ma in realtà sull'orlo del baratro. Operazione andata in porto visto che nel 2008 il 40% della società era stato venduto a Savno per 532 mila euro, e il restante 60% al Comune di Conegliano a 750 mila.