Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato Ruci Musa, operaio albanese

RUBÒ AL PANORAMA, 18 MESI

L'uomo colpì anche i vigilantes per fuggire


VILLORBA – (gp) Un semplice taccheggio trasformatosi poi in rapina è costato a Ruci Musa, un albanese di 58 anni residente a Quinto, una condanna a un anno e sei mesi di reclusione oltre al pagamento di 900 euro di multa. L'operaio, regolare in Italia e che in passato non aveva mai avuto problemi con la giustizia, il 14 aprile scorso si era recato al Panorama di Villorba assieme alla moglie di 47 anni. Dopo aver girato a lungo fra gli scaffali dell’ipermercato e aver staccato l'antitaccheggio a diversi prodotti tra cosmetici, generi alimentari e vestiti, i due avevano superato le casse cercando di allontanarsi, ma sono vennero visti e fermati dalla sorveglianza. L’albanese non si era però dato per spacciato e aveva iniziato a spintonare, colpire, e a lanciare dei sassi contro il vigilante che lo aveva scoperto per tenerlo a distanza.Il tentativo di resistenza non impedì agli addetti di bloccarlo e di consegnarlo a una volante della polizia che gli aveva stretto le manette ai polsi trasportandolo nel carcere di Santa Bona.