Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Protagoniste due romene di 24 e 26 anni

"MI VERGOGNO DI MIA SORELLA"

Una deruba "Sorelle Ramonda", l'altra fugge


TREVISO - (nc) “Mi sono vergognata di vedere mia sorella rubare”: con queste parole una 24enne romena si è giustificata agli agenti mentre stava cercando di defilarsi dal negozio “Sorelle Ramonda” di viale della Repubblica dove la consanguinea aveva appena commesso un furto ed era stata pizzicata dall'addetto alla sicurezza. I fatti risalgono al pomeriggio di martedì: la giovane aveva accompagnato al negozio la sorella maggiore, una 26enne che aveva infilato in una borsa capi di vestiario per oltre 174 euro. I suoi movimenti non sono sfuggiti all'antitaccheggio che l'ha smascherata e bloccata: la donna è stata denunciata per furto dalla Polizia giunta sul posto con due volanti. Intanto la sorella, o presunta tale dato che le due hanno cognomi diversi, si era data alla fuga con l'auto, una Citroen: ad identificare il mezzo sono state le telecamere a circuito chiuso del negozio di viale della Repubblica. Fermata dagli agenti poco distante dal luogo del furto, la ragazza negherà ogni addebito e anzi dirà di essersi vergognata di ciò che la “sorella” stava facendo.