Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il presidente trevigiano del Coni, Ottoni, si astiene

"VINCE LA ROMA DEI SALOTTI"

La Giunta del Coni boccia Venezia, le reazioni


TREVISO - (nc) “Vince la Roma dei salotti, controlleremo ora le motivazioni della scelta ed i nomi dei delegati del Nord che hanno votato per la candidatura di Roma”: è sdegnata la reazione del governatore del Veneto Luca Zaia alla notizia della bocciatura di Venezia nella corsa ai giochi olimpici. La Giunta Nazionale del Coni ha infatti scelto Roma come candidata per le Olimpiadi del 2020. Bocciata quindi la candidatura veneta di Venezia che, come aveva dichiarato ai nostri microfoni il presidente Coni Treviso Giovanni Ottoni, non ha superato la preselezione. Quindi nel pomeriggio il Consiglio del Coni vota solo la ratifica della candidatura della Capitale che nel 2013 concorrerà per poter ospitare i giochi. La Commissione di valutazione ha attribuito a Roma 32,3 su 35 di punteggio, mentre Venezia ha sommato 20,1 su 35. Nel computo finale Venezia nel punteggio in decimi non ha raggiunto la sufficienza (5,7 contro 9,2 di Roma), ossia il parametro 6 (calcolato in decimi) per superare la soglia già individuata dal Comitato Olimpico Internazionale per l'edizione di Rio 2016. Tra i delegati trevigiani da segnalare il voto favorevole del presidente della federazione Squash, Siro Zanella e l'astensione del presidente del Coni trevigiano, Giovanni Ottoni. Intanto fioccano i commenti politici. Per l'ex governatore Galan la scelta di Roma è una “mancata occasione non solo per il Nord-est, ma per l’Italia e l’Europa tutta” mentre Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso la definisce “l'ennesimo schiaffo alla nostra capacità manageriale che viene apprezzata in tutto il mondo”. Meno duro il presidente di Confinundustria Veneto, Andrea Tomat che in una nota fa sapere: “mi auguro abbiano preso in coscienza la decisione migliore per dare all’Italia la reale possibilità di vincere una gara internazionale che si presenta tanto importante quanto agguerrita”. “Mi chiedo che cosa sarebbe accaduto se la Lega non fosse stata al governo. Avrebbe gridato al complotto accusando la controparte politica di non aver saputo far valere le ragioni del Nord e del Veneto. Oggi, invece, il Carroccio governa a Roma e governa nel Veneto. Per cui sorge spontanea la domanda: non avrà forse qualche responsabilità per questa sconfitta?”. L’on. Simonetta Rubinato (Pd), esprimendo la sua grande amarezza per la scelta del Coni di bocciare la candidatura veneziana alle olimpiadi del 2020, punta il dito contro “chi non ha saputo far valere il proprio peso politico e ha lasciato soli i promotori”.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/05/2010 - Addio Olimpiadi?