Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pusher implicato nella morte di Damiano Pontin

FORN╠ DOSE LETALE

Arrestato Moreno Cappelletto ed il fratello


TREVISO - (nc) Lo scorso 22 marzo fornì una dose di eroina che fu letale a Damiano Pontin, il 31enne di Sala di Istrana che fu ritrovato il mattino dopo esanime dai familiari: in quell'occasione i Carabinieri di Castelfranco arrestarono Moreno Cappelletto, pusher 44enne di Venturali di Villorba. Nonostante il tragico evento l'uomo non esitò a riprendere la sua attività con l'aiuto del fratello. Dopo la scarcerazione Moreno Cappelletto era stato sottoposto dalla Procura all'obbligo di firma ma ciò non gli impediva di continuare la sua attività di smercio di sostanze stupefacenti recandosi a Padova per rifornirsi. Così, passato dai Carabinieri per firmare come tutte le sere, aveva pensato di recarsi in via Anelli con il fratello Stefano di 42 anni: da tempo i militari ne seguivano i movimenti. Le manette sono scattate per entrambi i fratelli di ritorno dal capoluogo patavino: all'interno dell'auto un involucro con 40 grammi di eroina. Moreno e Stefano Cappelletto sono ora agli arresti presso il carcere di Santa Bona. L'indagine, denominata “Ritorno” dai Carabinieri di Treviso, ha portato all'identificazione di oltre 20 assuntori che venivano riforniti dai due fratelli.