Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Dal 30 maggio al 7 giugno, 9 tappe per 230 km

PELLEGRINAGGIO LUNGO IL PIAVE

Tre trevigiani a piedi da Jesolo al Monte Peralba


TREVISO - (es) Tre giovani trevigiani Edoardo di Spresiano, Antonio di Villorba e Furio di Maserada sul Piave il prossimo 30 maggio cominceranno la loro avventura lunga come il Piave: risaliranno infatti a piedi tutto il corso del fiume Piave da Jesolo fino alle sorgenti sul Monte Peralba in 9 tappe (230 chilometri), "impresa" mai tentata da alcuno.
"Il nostro è una specie di pellegrinaggio - le parole di Edoardo Frassetto - una fatica che affrontiamo animati da passione. Pensiamo che il Piave abbia un valore paesaggistico e storico unico, che vada tutelato e che debba essere stimolato un turismo alternativo, perchè le potenzialità ci sono Da anni si parla di una pista ciclo-pedonale lungo il suo corso sull'esempio di altre, tipo quelle austriche della Drava e del Danubio. Lo stesso Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha recentemente sottolineato l'importanza che potrebbe rivestire il nostro fiume in ambito turistico. Il nostro è un atto d'amore verso questo fiume che abbiamo frequentato tanto e di cui ammiriamo le particolarità , ma è anche un messaggio in favore di un turismo diverso e sostenibile che potrebbe benissimo adeguarsi al Piave." Edoardo, Antonio e Furio racconteranno quotidianamente il loro viaggio a radio Veneto Uno, dal 30 maggio gli aggiornamenti.

 

Ascolta l'intervista a Edoardo Frassetto e Furio Nave.


Galleria fotograficaGalleria fotografica