Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La squadra mobile di Treviso lo arresta ad Altivole

SI NASCONDE COME OPERAIO

Membro di banda specializzata in estorsioni a Milano


TREVISO - (nc) Era il componente di una banda specializzata in estorsioni ai danni dei commercianti cinesi di Milano: braccato dalla Polizia aveva pensato di nascondersi nella Marca e lavorare come operaio in uno dei tanti laboratori della provincia. E' stato arrestato presso un'azienda tessile cinese di Altivole in via Giauna, il 33enne cinese Hu Shouzhong. L'uomo, con altri complici aveva cercato di estorcere oltre 30mila euro ad un ristoratore cinese di corso Lodi a Milano che era stato anche minacciato di morte dalla banda. L'episodio, risalente al dicembre del 2009 sarebbe solo l'ultimo di una lunga serie nei confronti dei commercianti cinesi del capoluogo lombardo: fondamentale la denuncia alla Polizia del ristoratore che aveva permesso la cattura di uno dei componenti. Altri malviventi coinvolti in questa ramificata organizzazione criminale sono tutt'ora ricercati dalle forze dell'ordine. Il sospetto è che abbiano cercato nascondiglio nei tanti laboratori cinesi del nord-Italia.