Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Pieve di Soligo appello dell'assessore Villanova

NIENTE MUSICA ALL'APERTO

"E' necessario che tutti i locali rispettino le regole"


PIEVE DI SOLIGO - (db) Di sicuro così non si può andare avanti, ma prima di arrivare a far chiudere alcuni locali pubblici come è accaduto nei comuni limitrofi, mi appello ancora una volta al buon senso dei gestori – così esordisce Alberto Villanova, assessore allo sviluppo economico e politiche per la sicurezza, nell’appello che desidera lanciare ai gestori dei bar del centro di Pieve di Soligo dopo le segnalazioni ricevute da alcuni cittadini – Siamo assolutamente convinti che le serate musicali organizzate dai locali pubblici pievigini siano un’ottima iniziativa per  animare le piazze pievigine e trattenere i giovani nel territorio comunale - continua l’assessore – ma è necessario che tutti i locali rispettino le regole sia per il principio di una buona e civile convivenza con i cittadini, sia per evitare forme di concorrenza che nocerebbero al “sistema bar“ del centro ed impedirebbero di lavorare tutti allo stesso modo per dare il massimo ai propri clienti.

Pieve non è Jesolo; nel territorio comunale dopo le dieci di sera non è possibile fare o trasmettere musica all’esterno dei locali, ai quali comunque negli anni scorsi è già stata data la possibilità di allestire dei plateatici esterni gradevoli e capaci di trattenere i clienti fino a chiusura durante la stagione estiva e primaverile. Alcune amministrazioni limitrofe, avendo gli strumenti legislativi per farlo, hanno già preso delle posizioni forti, facendo chiudere degli esercizi pubblici, ma prima di arrivare a misure così estreme sono convinto che con il buon senso e lo spirito di collaborazione dei gestori si possano tranquillamente evitare le proteste dei cittadini».