Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Finanziaria "taglia" dal 30% al 40% i trevigiani

COMUNI DI MARCA STANGATI

Insorgono Giavera, Ponzano, Casale e Maserada


TREVISO – (gp) La Finanziaria mette in ginocchio i comuni della Marca. Tra i 20 più colpiti in Italia dalla manovra del Governo quattro sono trevigiani, che da qui al 2012 si vedranno ridurre le spese tra il 40% e il 30%. Una vera e propria mannaia che si traduce nel taglio dei servizi ai cittadini per non sforare il patto di stabilità, impresa tutt'altro che agevole con i parametri dettati dalla maggioranza. Del tanto proclamato federalismo fiscale, cavallo di battaglia della Lega Nord, nemmeno l'ombra. E i sindaci insorgono. Giavera del Montello, quarta in classifica a livello nazionale, subirà un taglio del 41%, Ponzano è al nono posto con una riduzione della spesa del 33,5%, Casale sul Sile con il 32% si piazza al dodicesimo e Maserada con il 30% al diciottesimo. “Una manovra demeziale - l'ha definita il sindaco di Giavera del Montello Fausto Gottardo – abbiamo rispettato il patto di stabilità e non ci viene riconosciuto nessun beneficio”. Non è meno polemico nemmeno il sindaco di Ponzano Giorgio Granello, secondo cui “se la manovra passerà in Parlamento non punteremo solo i piedi ma anche le mani”. Insomma una decisione quella del Governo che, anche se la Lega Nord è arrivata a detenere una solida parte della maggioranza, punisce i virtuosi e premia i peggiori, quelli che il Carroccio chiamava “ladroni” come Roma e che ora sostiene votando contro le promesse elettorali fatte ai cittadini.