Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Erano professioniste di lungo corso, stimate e rispettate

UNA PICCHIA, L'ALTRA COMPLICE

La Nostra Famiglia: genitori e direttrice dai Carabinieri


TREVISO - (nc) Voci, segnalazioni di alcuni genitori, bimbi che tornando a casa sconvolti ed impauriti avrebbero anche confessato a papà e mamma “La maestra mi ha picchiato”. Sarebbe partita così qualche mese fa l'indagine della Procura nei confronti dell'istituto “La Nostra Famiglia” di via Ellero. E' ampia la documentazione in mano ai Carabinieri che hanno ripreso con alcune telecamere nascoste i pestaggi di due operatrici ai danni di tre giovanissimi portatori di handicap tra i 4 ed i 6 anni. Nei filmati comparirebbero offese, schiaffi e colpi al capo che hanno portato alla denuncia per maltrattamenti due professioniste trevigiane di 35 e 32 anni residenti a Paese ed Oderzo. “Violenze gratuite” così gli investigatori hanno bollato quanto appare nei video dello scandalo. Le donne da anni lavoravano presso l'istituto trevigiano, erano educatrici di lungo corso, rispettate e stimate: due insospettabili insomma. Le violenze, stando a fonti investigative, potrebbero essere però state commesse da una sola educatrice mentre la collega avrebbe solo assistito a queste sistematiche vessazioni ai danni di piccoli indifesi, puniti per l'unica colpa di essere troppo vivaci. Quest'ultima infatti comparirebbe nei filmati ma avrebbe solamente coperto con il silenzio l'operato dell'altra operatrice. Intanto stamani sia all'istituto di via Ellero che al comando dei Carabinieri di Treviso in via Cornarotta si sono presentati numerosi genitori di piccoli utenti del centro: in molti volevano sapere se tra le vittime delle violenze potesse esserci anche il proprio figlio. In mattinata è stata sentita dagli inquirenti anche la direttrice dell'Istituto, ovviamente scossa del polverone sollevato. Ieri a presentarsi dai militari erano state le due educatrici, convocate per la contestazione di quanto emerso nelle indagini e per il divieto di dimora in Comune di Treviso: la loro reazione è stata definita fredda, impassibile, di fronte a responsabilità che sono pesantissime. Le indagini intanto proseguono e non si escludono nelle prossime ore sviluppi clamorosi: dalle testimonianze e dall'esame dei filmati potrebbero infatti emergere altri coinvolgimenti.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
25/06/2010 - Avviata indagine interna
25/06/2010 - Botte a bambini disabili