Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Erano professioniste di lungo corso, stimate e rispettate

UNA PICCHIA, L'ALTRA COMPLICE

La Nostra Famiglia: genitori e direttrice dai Carabinieri


TREVISO - (nc) Voci, segnalazioni di alcuni genitori, bimbi che tornando a casa sconvolti ed impauriti avrebbero anche confessato a papà e mamma “La maestra mi ha picchiato”. Sarebbe partita così qualche mese fa l'indagine della Procura nei confronti dell'istituto “La Nostra Famiglia” di via Ellero. E' ampia la documentazione in mano ai Carabinieri che hanno ripreso con alcune telecamere nascoste i pestaggi di due operatrici ai danni di tre giovanissimi portatori di handicap tra i 4 ed i 6 anni. Nei filmati comparirebbero offese, schiaffi e colpi al capo che hanno portato alla denuncia per maltrattamenti due professioniste trevigiane di 35 e 32 anni residenti a Paese ed Oderzo. “Violenze gratuite” così gli investigatori hanno bollato quanto appare nei video dello scandalo. Le donne da anni lavoravano presso l'istituto trevigiano, erano educatrici di lungo corso, rispettate e stimate: due insospettabili insomma. Le violenze, stando a fonti investigative, potrebbero essere però state commesse da una sola educatrice mentre la collega avrebbe solo assistito a queste sistematiche vessazioni ai danni di piccoli indifesi, puniti per l'unica colpa di essere troppo vivaci. Quest'ultima infatti comparirebbe nei filmati ma avrebbe solamente coperto con il silenzio l'operato dell'altra operatrice. Intanto stamani sia all'istituto di via Ellero che al comando dei Carabinieri di Treviso in via Cornarotta si sono presentati numerosi genitori di piccoli utenti del centro: in molti volevano sapere se tra le vittime delle violenze potesse esserci anche il proprio figlio. In mattinata è stata sentita dagli inquirenti anche la direttrice dell'Istituto, ovviamente scossa del polverone sollevato. Ieri a presentarsi dai militari erano state le due educatrici, convocate per la contestazione di quanto emerso nelle indagini e per il divieto di dimora in Comune di Treviso: la loro reazione è stata definita fredda, impassibile, di fronte a responsabilità che sono pesantissime. Le indagini intanto proseguono e non si escludono nelle prossime ore sviluppi clamorosi: dalle testimonianze e dall'esame dei filmati potrebbero infatti emergere altri coinvolgimenti.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
25/06/2010 - Avviata indagine interna
25/06/2010 - Botte a bambini disabili