Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Giudizio sospeso in attesa delle indagini"

"VICINI AGLI OPERATORI"

Nota delle Rsu di Mareno, Conegliano e Pieve di Soligo


TREVISO - (nc) “Riteniamo che un giudizio definitivo sull’operato e sulle persone coinvolte debba necessariamente essere sospeso in attesa del risultato delle indagini in corso”: intervengono così i rappresentanti sindacali de “La nostra famiglia” sul caso che ha interessato la sede di via Ellero dell'ente. Le Rsu chiedono chiarezza sugli episodi su cui ora indaga la magistratura esprimendo, si legge in un comunicato “assoluta disapprovazione verso episodi di violenza nell’esercizio della nostra professione”. La nota delle Rsu di Conegliano, Mareno e Pieve di Soligo prosegue così: “Ribadiamo che la professionalità esercitata da chi opera all’interno dei centri ha sempre avuto conferma nei risultati raggiunti dagli utenti, dalla credibilità operativa che i genitori ci riconoscono e dalla competenza pluridisciplinare con la quale si imposta la strategia educativa più idonea. Inoltre, in questi anni, la Nostra Famiglia ha favorito la diffusione della cultura dell’integrazione della persona disabile promuovendo conoscenze e servizi per favorirne il benessere e la salute. Con queste considerazioni riteniamo di poter chiedere credibilità e fiducia al di là di episodi incresciosi e disapprovabili come quello oggetto di questi giorni. Siamo vicini agli operatori de La Nostra Famiglia di Treviso nella speranza che al più presto venga fatta chiarezza sui fatti realmente accaduti.”



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
26/06/2010 - Comportamento incivile
26/06/2010 - Una picchia, l'altra complice
25/06/2010 - Avviata indagine interna
25/06/2010 - Botte a bambini disabili