Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Messi in mobilitā i 196 lavoratori dell'azienda

FERVET VERSO LA CHIUSURA

La cassa integrazione scadrā nel marzo del 2011


CASTELFRANCO – (gp) Ormai la speranza è ridotta al lumicino. La Fervet, storica azienda di Castelfranco Veneto, è destinata a chiudere i battenti. L'ultimo incontro nella sede di Unindustria ha decretato la messa in mobilità su base volontaria per i 196 lavoratori della ditta. A marzo 2011 poi, quando scadrà la cassa integrazione, la mobilità diventerà obbligatoria e i dipendenti dovranno quindi cercarsi un altro lavoro. Le possibilità che l'azienda venisse acquistata da qualche compratore estero sono sfumate e la chiusura è praticamente certa. E anche se il concordato preventivo verrà omologato e l'azienda verrà venduta o spezzettata non è poi detto che i lavoratori vengano riassunti o continuino a lavorare.