Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Seconda condanna in un mese per il 41enne di Nervesa

ALTRI 5 ANNI PER COGHETTO

Si spacciava per carabiniere dell'Ufficio Aste


TREVISO – (gp) A distanza di meno di un mese da una condanna a 5 anni e sei mesi, Loris Coghetto, 41enne di Nervesa della Battaglia, ha rimediato altri cinque anni di reclusione sempre per l'accusa di truffa aggravata, non in continuazione perchè le motivazioni della prima sentenza non sono ancora state depositate. Nella sua carriera di truffatore, secondo la Procura di Treviso, Loris Coghetto avrebbe raggirato tra il 2002 e il 2006 ben 17 persone per una somma complessiva di 3 milioni di euro. Stavolta nel mirino dell'uomo, che si spacciava per carabiniere della sezione di polizia giudiziaria addetto all'Ufficio Aste sfruttando l'omonimia con un vero ufficiale in servizio presso il tribunale di Treviso, che era all'oscuro di tutto, sono finiti due imprenditori agricoli di Trevignano e un'anziana sempre della stessa zona. Con tanto di finto tesserino, millantando contatti e promettendo favoritismi nelle aste giudiziarie, Coghetto si è fatto consegnare in più tranche un milione di euro dicendo alle vittime di essere i vincitori della gara e che lui doveva riscuotere il denaro relativo alle abitazioni.