Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Seconda condanna in un mese per il 41enne di Nervesa

ALTRI 5 ANNI PER COGHETTO

Si spacciava per carabiniere dell'Ufficio Aste


TREVISO – (gp) A distanza di meno di un mese da una condanna a 5 anni e sei mesi, Loris Coghetto, 41enne di Nervesa della Battaglia, ha rimediato altri cinque anni di reclusione sempre per l'accusa di truffa aggravata, non in continuazione perchè le motivazioni della prima sentenza non sono ancora state depositate. Nella sua carriera di truffatore, secondo la Procura di Treviso, Loris Coghetto avrebbe raggirato tra il 2002 e il 2006 ben 17 persone per una somma complessiva di 3 milioni di euro. Stavolta nel mirino dell'uomo, che si spacciava per carabiniere della sezione di polizia giudiziaria addetto all'Ufficio Aste sfruttando l'omonimia con un vero ufficiale in servizio presso il tribunale di Treviso, che era all'oscuro di tutto, sono finiti due imprenditori agricoli di Trevignano e un'anziana sempre della stessa zona. Con tanto di finto tesserino, millantando contatti e promettendo favoritismi nelle aste giudiziarie, Coghetto si è fatto consegnare in più tranche un milione di euro dicendo alle vittime di essere i vincitori della gara e che lui doveva riscuotere il denaro relativo alle abitazioni.