Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Seconda tappa veneta per il "Contarini" dell'AIGG

GIORNALISTI A JESOLO

Successi per Lapasini, Ruo, Gonzato e Roversi


JESOLO - Doppia tappa veneta per il “Challenge Contarini” dell'Associazione Italiana Giornalisti Golfisti in questa calda seconda settimana di luglio. Martedì 13 luglio la gara al Golf Club Cansiglio, il giorno successivo tutti sul green del Golf Club Jesolo con i successi di Giulio Lapasini, Pietro Ruo, Valentino Gonzato e Roberto Roversi.

 

Questa la “cronaca” della due giorni raccolta per noi da Paolo Pilla.

La partecipazione alla gara in Consiglio mi vedeva un po’ emozionato. Veramente non so perché: anche se non ci avevo giocato spesso, il campo lo conoscevo: avevo più volte arbitrato qualche gara, eppure mi sentivo emozionato.

Di sicuro i partecipanti creavano un’atmosfera rilassata. Persone che si accingevano a giocare bene, ma per un sano divertimento, e tutte con il sorriso. Al 13 di luglio, con il clima feroce che avevamo in città, non c’era posto migliore per giocare a golf. Questo poi, è un campo che stimo bellissimo, dove la mano dell’uomo non è riuscita a modificare la sua natura un po’ aspra ma vera. Io penso che nel girar per campi da golf sia bello godere dell’ambiente nella sua interezza. Questo sito ha avuto le sue traversie, le sue importanti epoche storiche, e si vivono tutte. E’ il più antico dei campi del Veneto, dopo Venezia. Ha già festeggiato i cinquant’anni di vita. L’aria fine di questa altopiano, attorniato dalla seconda più grande foresta d’Italia, con un ricco mix di essenze tra aghi e lati-foglie, ci fa sentire di essere in un posto d’incomparabile bellezza; e soprattutto ci fa star bene. La gara quindi è stata un momento di gioia, anche se combattuta con determinazione.

E c’è stato anche il terzo tempo per l’allegra brigata. Un terzo tempo combattuto con ancor maggiore entusiasmo. Nella “tana” dello sponsor, (Villa Clementina), una splendida dimora padronale dell’800 inserita all’interno della tenuta Contarini, nel Feletto, si è fatta man bassa di una splendida grigliata di carni e di verdure scelte rigorosamente biologiche. Gli appetiti erano vispi, ed è stato un piacere far onore agli ospiti presenti, Luca Tombacco e signora. Non solo per l’eccellente cibo, ma anche per la maestria del personale solerte ed attento. Permettetemi di dire eccezionale questa azienda che sponsorizza il circuito dell’A.I.G.G.. Non ne conoscevo lo spessore, ma basti dire che con i suoi 27 milioni di bottiglie all’anno, è in Italia la più grande esportatrice di Prosecco nel mondo. Grandi numeri sì, caspita, ma soprattutto vini buonissimi. Ad accompagnare le pietanze, ho piacevolmente indugiato con gli assaggi. Nessun disturbo nelle notte, né di stomaco, né di testa. E questo andava molto bene, perché all’indomani l’impegno continuava al golf club Jesolo. E così è stato. Certo che la seconda giornata era per capitani coraggiosi. Se in Cansiglio abbiamo faticato per il duro percorso che era però stato un po’ confortato da una buona temperatura, oggi il campo era decisamente più gentile, ma con un caldo ed un’afa terribili. E poi, parliamoci chiaro: ulteriormente appesantito dalle generose pietanze e libagioni della sera precedente. Una leggera brezzolina ci ha comunque accompagnato, e nessuno ha osato abbandonare il campo di battaglia, che come sempre si presentava in modo perfetto. Accettati con simpatia anche i cucchiai di legno. Tra mare e montagna se li son presi: Giovanetti, Ruo, Francesconi, Zoldan e Ghizzo.

Le due giornate sono state un piacevole incontro tra colleghi di tutta Italia, che con il pretesto del golf possono godere di bei momenti conviviali e di bella amicizia. In conclusione, non posso non fare un accenno al “”sapius provveditor luculliani simposii”” Mino d’Isanto, incomparabile per la sua attenta, discreta, efficiente presenza.

Paolo Pilla


Galleria fotograficaGalleria fotografica