Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una nota per fermare le polemiche

"I GAY NON SONO MALATI"

Passo indietro del sindaco di Spresiano, Missiato


TREVISO -  Il fuoco incrociato degli oppositori politici, il tam tam mediatico che ha portato il caso sui media nazionali e la rivolta dei gay veneti e non solo. Una pressione fortissima questa che ha portato il sindaco di Spresiano, Riccardo Missiato, ha fare un deciso passo indietro rispetto alle dichiarazioni rilasciate durante l'iniziativa "Estate sicura". Il primo cittadino che vuole fermamente contrastare il fenomeno della prostituzione sul greto del Piave, si era riferito agli omosessuali e li aveva definiti "malati". «La premessa che vorrei sottolineare - dice in una nota - è che non ritengo l'omosessualità una malattia, anzi ho il massimo rispetto per le persone e per i loro orientamenti sessuali. La mia azione amministrativa è volta a contrastare un fenomeno ormai insopportabile di prostituzione femminile e maschile presente nel nostro territorio e che ha raggiunto un degrado morale inaccettabile». «I nostri cittadini - sottolinea - hanno il diritto di vivere il paese ed il Parco Grave del Piave liberamente. Tuttavia i comportamenti che creano disagi sono segnalati costantemente da molte persone che vivono per questo una percezione di poca sicurezza. I mezzi a nostra disposizione per arginare il fenomeno - spiega ancora - si sono tradotti nel progetto di vigilanza "Estate sicura" coordinato insieme alla polizia Locale, ai carabinieri, alla Questura ed all'ufficio tecnico. Questo progetto voluto dalla nostra amministrazione e da tutti i cittadini realizza un monitoraggio capillare delle zone a rischio per tutto il periodo estivo».