Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Produceva falsi materiali delle forze dell'ordine

MITOMANE DENUNCIATO

In casa e in auto aveva una vera e propria armeria


TREVISO – (gp) Si procurava e produceva materiali non originali delle forze di Polizia. Un vera e propria armeria quella scoperta dalla Squadra Mobile nella casa e nell'auto di un 43enne di Vedelago, B.S., che è stato denunciato per fabbricazione di documenti falsi, possesso, porto e fabbricazione di segni distintivi di forze di polizia, reati per i quali verrà perseguito penalmente. Non mancava nulla nella collezione dell'uomo: armi giocattolo e una pistola vera peraltro regolarmente detenuta, distintivi, spray urticanti, manganelli, fionde, storditori elettrici, ma anche palette cappelli e divise di polizia, carabinieri e guardia di finanza. Tutto recuperato in negozi specializzati, che prevedono la vendita soltanto se l'acquirente viene registrato, o addirittura fabbricato in casa o fatto su misura. Una storia curiosa più che pericolosa, visto e considerato che per gli inquirenti non si tratterebbe di un delinquente ma di un mitomane, ma le indagini proseguono per scoprire se l'uomo, utilizzando quelle false generalità da tutore dell'ordine pubblico, possa aver messo a segno truffe a persone deboli o piccoli colpi. Tutto il materiale è stato sequestrato, compresi i finti distintivi con i quali si spacciava per un agente anche con cariche inesistenti, come ad esempio “tenente del sisde”, “psicocriminologo” e addirittura un uomo del “controspionaggio di stato” e dei “ruoli direttivi speciali”. Ai nostri microfoni illustra l'operazione il vicedirigente della Squadra Mobile di Treviso, il dottor Claudio Di Paola.


Galleria fotograficaGalleria fotografica