Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assalto alla "Yacht and co." di Zerman

RAID IN AZIENDA, SI INDAGA

Carabinieri avrebbero giÓ identificato gli autori


ZERMAN - (nc) Avrebbero le ore contate i tre malviventi autori di una vera e propria spedizione punitiva ai danni dell'azienda “Yacht and co.” di via Giotto a Zerman. I banditi sono giunti a bordi di un'Audi A3 nera poco dopo le 19.20 di martedì all'interno del cantiere per riparazioni nautiche della zona industriale: rotta la vetrina a colpi di mazza, hanno messo a soqquadro gli uffici ed hanno minacciato e colpito il titolare con una bastonata alla testa. L'uomo ha riportato un lieve trauma cranico con tre giorni di prognosi. Attimi di terrore quelli vissuti da lui e dagli altri tre operai che al momento si trovavano in ufficio. Le indagini dei Carabinieri sono in corso in queste ore ed il cerchio si sta stringendo: i tre sarebbero tutti italiani e di mezza età. Gli inquirenti escludono che si possa trattare di un tentativo di estorsione o un caso di usura ma propendono per ricercare gli autori o i mandanti del gesto intimidatorio tra clienti, committenti e fornitori dell'azienda di Zerman. Il luogo non è purtroppo servito da telecamere ma il titolare potrebbe aver riconosciuto i suoi aggressori.