Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quartier generale un condominio di Mestre

PROTETTORE A 17 ANNI

Clan magiaro decapitato, giovane tra gli sfruttatori


TREVISO - (nc) Un protettore di appena 17 anni, fidanzato con una 25enne amica della sorella: nonostante la giovane età era già uno dei rappresentanti più autorevoli del clan ungherese decapitato dall'operazione condotta dalla squadra mobile di Treviso. L'indagine ha portato già in carcere tre persone, due coniugi magiari, Gustav Redai e Giselle Bodi ed una donna 29enne che aveva il compito di reclutare le squillo in Ungheria per poi farle arrivare sulle strade del sesso della Marca. Una donna, membro dell'organizzazione, è tutt'ora ricercata: aveva il compito di vigilare le lucciole sulla strada. Quartier generale delle oltre 20 prostitute “gestite” dalla banda era un vecchio condominio di Mestre in via Piave nei pressi della stazione ferroviaria: il clan magiaro aveva preso in affitto da un gruppo di cinesi due appartamenti dello stabile al terzo ed al quarto piano. I componenti maschi dell'organizzazione avevano come unico compito quello di controllare e dirigere le lucciole: passavano le giornate a casa o in palestra. Tra loro infatti alcuni avevano il ruolo di picchiatori in caso di invasioni di territorio da parte di altri gruppi etnici. Il blitz della Polizia ha portato alla luce una realtà sociale di grande disagio: fidanzati che sono anche protettori delle loro compagne, giovanissimi figli a stretto contatto con la prostituzione ed una situazione igienica spesso al limite.