Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella tomba del terrorista i misteri di piazza Fontana

MORTO GIOVANNI VENTURA

Nato a Castelfranco viveva da 20 anni a Buenos Aires


CASTELFRANCO - (ls) Giovanni Ventura ex terrorista nero, è morto lunedì a Buenos Aires, dove viveva da oltre vent'anni. E' considerato con Franco Freda responsabile della strage di Piazza Fontana a Milano. Giovanni Ventura, malato da molto tempo, era nato il 22 novembre 1944 a Piombino Dese, in provincia di Padova. La sua scomparsa rimetterà in primo piano alcuni dei misteri italiani. Molti dei quali, soprattutto legati al terrorismo nero, hanno profonde radici nel Nordest, come la strage alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di Piazza Fontana (nella foto), avvenuta il 12 dicembre 1969, con17 morti e 88 feriti. Indicati come i responsabili del gesto, Franco Freda e Giovanni Ventura vennero assolti per insufficienza di prove. Ma a 15 anni dalla riapertura del processo per piazza Fontana per trovare i responsabili dell’eccidio, la Cassazione ha confermato le responsabilità della strage ai due veneti. Non è stato l’unico gruppo veneto ad ordire trame e preparare bombe. I nomi che appaiono nel triangolo nero Mestre-Padova-Treviso sono quelli di Zorzi, Digilio, Vianello, Franco, e altri. Nel 1972, dopo che Guido Lorenzon, giornalista e professore trevigiano confida ad un avvocato l'attività eversiva della cellula nera padovana, il giudice Giancarlo Stiz spicca gli ordini di cattura contro Freda e Ventura. Quest'ultimo negherà sempre la sua partecipazione a piazza Fontana ma non il suo passato né i tanti attentati a cui ha partecipato.