Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lettera accorata al Questore, scoperto

CERCA DI ASSUMERE SQUILLO

Imprenditore di Ponzano richiede la regolarizzazione


TREVISO - (nc) Aveva fatto inviare una lettera accorata, scritta dalla moglie e giunta sul tavolo del Questore di Treviso, Carmine Damiano: nella missiva la donna segnalava la grave malattia del marito, imprenditore agricolo cui l'ufficio immigrazione aveva negato la regolarizzazione di tre operai indiani stagionali che per sei mesi gli sarebbero serviti nei campi. Il motivo che aveva spinto l'ufficio immigrazione a congelare la pratica era però chiaro: in ben tre occasioni, nel 2001, nel 2004 e nel 2006 l'uomo aveva affittato alcune sue abitazioni a Portogruaro e Latisana a prostitute e viados che arrivavano a versargli anche 100 euro al giorno. L'uomo, un 53enne di Ponzano, è stato denunciato più volte ma non ancora condannano per questi fatti: la lettera della moglie voleva probabilmente essere un escamotage perchè gli fosse concessa la possibilità di riprendere la sua attività agricola. L'uomo però, anziché presentare richiesta per lavoratori da impiegare nei campi, ha chiesto di poter avere un visto per due donne dominicane che erano già state pizzicate a prostituirsi presso una delle abitazioni dell'agricoltore che ora rischia grosso. Accertamenti verranno effettuati anche dalla Guardia di Finanza di Treviso.

Galleria fotograficaGalleria fotografica