Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Edilizia: denunciato dalla GdF di Vittorio Veneto

IMPRENDITORE EVASORE

Dal 2005 ha frodato il Fisco per oltre 6 milioni di euro


VITTORIO V. - (nc) 6 milioni di euro di ricavi non dichiarati al fisco tra il 2005 ed il 2009 e circa 600mila euro di Iva mai versata: questa la Taxi evasione portata alla luce dalla Guardia di Finanza di Vittorio veneto che ha denunciato due coniugi titolari di altrettante imprese edili. Entrambe le ditte erano intestate al marito che per quattro anni non aveva presentato nella dichiarazione dei redditi gli introiti delle due attività. A smascherarlo sono state le fiamme gialle che da quasi due anni indagavano sul reale volume d'affari dell'imprenditore: decisiva l'analisi delle movimentazioni bancarie dell'uomo. Del caso ora si occuperà la Procura. Ad oggi l'ammontare complessivo dell'evasione nella Marca ammonta ad oltre 140 milioni di euro, un dato destinato ad aumentare esponenzialmente.