Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Simulazione di reato per un 25enne coneglianese

FINGE RAPINA, DENUNCIATO

Ha speso 350 euro e non voleva dirlo ai genitori


CONEGLIANO – (gp) Non sapeva come giustificarsi davanti ai suoi genitori per aver speso 350 euro, e così ha chiamato i carabinieri di Conegliano dicendo di essere stato rapinato da un uomo armato di coltello che l'avrebbe anche ferito nel tentativo di portargli via il denaro. Una scusa, quella trovata da un 25enne operaio coneglianese, S.M., che si è presto rivelata una bugia e che gli è costata una denuncia a piede libero per simulazione di reato. Il giovane nello sporgere denuncia e nel ricostruire l'accaduto si è però contraddetto più volte, e messo alle stratte dagli uomini dell'Arma a fronte delle troppe incongruenze del suo racconto, ha confessato di essersi inventato tutto spiegandone anche il motivo: la paura di affrontare i genitori per quella spesa. Ora, oltre che con la giustizia, dovrà vedersela proprio con il padre e la madre.