Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Simulazione di reato per un 25enne coneglianese

FINGE RAPINA, DENUNCIATO

Ha speso 350 euro e non voleva dirlo ai genitori


CONEGLIANO – (gp) Non sapeva come giustificarsi davanti ai suoi genitori per aver speso 350 euro, e così ha chiamato i carabinieri di Conegliano dicendo di essere stato rapinato da un uomo armato di coltello che l'avrebbe anche ferito nel tentativo di portargli via il denaro. Una scusa, quella trovata da un 25enne operaio coneglianese, S.M., che si è presto rivelata una bugia e che gli è costata una denuncia a piede libero per simulazione di reato. Il giovane nello sporgere denuncia e nel ricostruire l'accaduto si è però contraddetto più volte, e messo alle stratte dagli uomini dell'Arma a fronte delle troppe incongruenze del suo racconto, ha confessato di essersi inventato tutto spiegandone anche il motivo: la paura di affrontare i genitori per quella spesa. Ora, oltre che con la giustizia, dovrà vedersela proprio con il padre e la madre.