Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incidente alle 11 alla "GalVeneta" di Lovadina

SVERSAMENTO DI NICHEL

L'Arpav sta valutando il rischio ambientale


SPRESIANO – (gp) Sversamento di nichel in mattinata, attorno alle 11, presso la ditta “Gal Veneta” di via Senatore Fabbri a Lovadina di Spresiano. Per cause ancora in corso di accertamento da parte dei vigili del fuoco di Treviso, da una cisterna posta all'esterno dello stabile dell'azienda che si occupa di galvanica, cromatura e nichelatura è fuoriuscita una quantità non ancora precisata di nichel, sostanza potenzialmente tossica per l'ambiente e cancerogena per l'uomo, che si è riversata in un vicino fossato. Immediato è scattato l'allarme e sul posto oltre che la polizia locale, sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco di Treviso e i tecnici dell'Arpav. I primi hanno evitato l'ulteriore espansione della sostanza tossica e i secondi stanno valutando l'impatto ambientale dell'incidente.