Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Controllo dei Carabinieri alla "B e V" di Vazzola

LABORATORIO INAGIBILE

Denunciati locatario coneglianese e titolare cinese


VAZZOLA - (nc) Un capannone vetusto, inagibile, senza uscite di sicurezza né servizi igienici e senza estintori: sequestrato dai Carabinieri di Treviso e dal Nucleo ispettorato del lavoro il laboratorio tessile cinese “B e V” di via Piave a Tezze di Vazzola. Sono stati denunciati il locatario dell'immobile, un 76enne di Conegliano e la titolare cinese della ditta, una 28enne. Il blitz dei militari è scattato nel pomeriggio di martedì. Continua dunque l'azione intrapresa nei confronti dei laboratori cinesi: in tutto il 2009 e nei primi 8 mesi del 2010 sono stati ben 55 i controlli effettuati in 30 aziende della Provincia con oltre 200mila euro di sanzioni comminate. Degli oltre 200 lavoratori identificati ben 40 sono risultati essere assunti in nero mentre altri 60 risultano non essere completamente in regola.