Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Confessione choc di un viado peruviano di 42 anni

SI PROSTITUISCE, MA HA L'AIDS

A processo perchè clandestino, rivela la sua malattia


TREVISO – (gp) La sua sieropositività non l'ha fermato. Ne era consapevole ma senza nessuno scrupolo ha continuato a prostituirsi lungo la Pontebbana, mettendo a serio rischio di contagio i suoi clienti, che spesso chiedono ai trans rapporti sessuali non protetti. E lui, E.J.C., peruviano di 42 anni, a loro non lo avrebbe mai confidato ma lo ha detto in aula al giudice Angelo Mascolo: “Sono rimasto in Italia per farmi curare, sono sieropositivo”. Una dichiarazione choc rilasciata poco prima che il tribunale di Treviso lo condannasse a un anno di reclusione per aver violato la legge Bossi-Fini. L'uomo, già condannato in passato due volte per lo stesso reato a una pena di 5 mesi di carcere ciascuna, era finito in manette un paio di giorni fa in quanto clandestino perchè sorpreso a prostituirsi a Spresiano, e cioè per non aver rispettato il doppio ordine di espulsione dall'Italia. Ora avrà cinque giorni per abbandonare il nostro Paese, ma non venendo accompagnato alla frontiera c'è anche la possibilità che continui nella sua attività sulla strada, almeno fino a quando non verrà arrestato ancora, mettendo a rischio di contagio altri clienti, oltre a quelli che potrebbe aver già contagiato.