Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Confessione choc di un viado peruviano di 42 anni

SI PROSTITUISCE, MA HA L'AIDS

A processo perchč clandestino, rivela la sua malattia


TREVISO – (gp) La sua sieropositività non l'ha fermato. Ne era consapevole ma senza nessuno scrupolo ha continuato a prostituirsi lungo la Pontebbana, mettendo a serio rischio di contagio i suoi clienti, che spesso chiedono ai trans rapporti sessuali non protetti. E lui, E.J.C., peruviano di 42 anni, a loro non lo avrebbe mai confidato ma lo ha detto in aula al giudice Angelo Mascolo: “Sono rimasto in Italia per farmi curare, sono sieropositivo”. Una dichiarazione choc rilasciata poco prima che il tribunale di Treviso lo condannasse a un anno di reclusione per aver violato la legge Bossi-Fini. L'uomo, già condannato in passato due volte per lo stesso reato a una pena di 5 mesi di carcere ciascuna, era finito in manette un paio di giorni fa in quanto clandestino perchè sorpreso a prostituirsi a Spresiano, e cioè per non aver rispettato il doppio ordine di espulsione dall'Italia. Ora avrà cinque giorni per abbandonare il nostro Paese, ma non venendo accompagnato alla frontiera c'è anche la possibilità che continui nella sua attività sulla strada, almeno fino a quando non verrà arrestato ancora, mettendo a rischio di contagio altri clienti, oltre a quelli che potrebbe aver già contagiato.