Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel piano di Laura De Nardo anche l'omicidio della figlia

DOVEVA MORIRE ANCHE SALLY

La 40enne è erede del patrimonio di Eliseo David


CONEGLIANO – (gp) Nuovi particolari emergono dalle indagini sull'omicidio di Eliseo David, il 71enne narcotizzato e soffocato nella sua casa di via delle Acacie a Campolongo di Conegliano. La moglie della vittima e mandante del delitto, la 61enne Laura De Nardo, nel suo piano diabolico avrebbe dovuto eliminare anche la figlia 40enne Sally. Un secondo omicidio dunque in programma da commettere in seguito, dopo aver sfruttato la versione di Sally raccontata agli inquirenti per avvalorare l'alibi della rapina in casa sfociata con il delitto. Già, perchè anche Sally avrebbe ereditato il patrimonio del patrigno, motivo per cui è stato ucciso su commissione da Ivan Marin, 36enne disoccupato di Vazzola, e da Gennaro Geremia, 48enne pregiudicato di Visnà di Vazzola che di professione faceva il manutentore in un hotel di Mestre. La mandante e i due esecutori materiali, assieme alla quarta persona coinvolta nel delitto, il 29enne idraulico di Fregona Mirko Della Giustina, compariranno davanti al gip domani mattina per l'interrogatorio di garanzia e la convalida dell'arresto, momento in cui potrebbero decidere di chiarire altri particolari dell'omicidio.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/09/2010 - Omicidio, indaga l'Interpol
17/09/2010 - Gia' anticipati 100 mila euro
17/09/2010 - Avevano pianificato tutto
16/09/2010 - Omicidio, arrestata la moglie
16/09/2010 - Delitto di via delle Acacie
16/09/2010 - Una tragedia inspiegabile
16/09/2010 - Narcotizzato e soffocato