Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lettura, attività fisica e dieta sana per prevenirlo

GIORNATA DELL'ALZHEIMER

21 settembre dedicato a livello mondiale al morbo


TREVISO - (st) Sono circa 5000, su una popolazione di 415.000 le persone affette da demenza tra i cittadini appartenenti all’Azienda Ulss 9. Sulla base delle stime per i paesi industrializzati (prevedono una crescita del 100%) è prevedibile che per il 2040 nel nostro territorio i casi saranno oltre 10.000. Dati anticipati alla vigilia della XVII Giornata mondiale dell’Alzheimer, celebrata il 21 settembre. L'Alzheimer è la forma di demenza più diffusa che interessa le persone a partire da circa i 60 anni d'età e che riguarda ben l'8,7% degli uomini e il 15,1% delle donne dopo gli ottant’anni. A differenza di quanto si pensa, spiega il direttore sanitario di Treviso Pierpaolo Faronato, il tecnicamente chiamato decadimento cognitivo non è un normale processo dell'invecchiamento ma si può contrastare prima di tutto attraverso l'esercizio delle funzioni intellettive e della memoria: la lettura è uno dei migliori metodi, unita ad attività fisica e dieta sana. Presso l’Ospedale di Treviso sono attive l’Unità operativa per la diagnosi, il monitoraggio ed il trattamento dei disturbi cognitivi e della memoria e nei quattro distretti si svolge la rete di servizi territoriali, in particolare ad Oderzo esiste l'Ambulatorio dell'invecchiamento cerebrale. Un problema latente ma presente: “Basti pensare – spiega il Direttore dei Servizi Sociali Gerardo Favaretto - che nel 2009 sono stati fatti 108 ricoveri nei 3 centri sp ecificatamente dedicati, sono stati attivato quasi 100 progetti di apposita assistenza domiciliare, abbiamo registrato 40 partecipanti ai Caffè Alzheimer e 65 telefonate alla linea appositamente attivata”.