Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura vuole proteggere la figliastra di Eliseo David

GIU' LE MANI DA SALLY

La 40enne: "Non può essere stata mia madre"


TREVISO – (gp) “Non può aver fatto una cosa del genere”. Sono state queste le parole riferite agli inquirenti spontaneamente da Sally Tonon, la figlia 40enne di Laura De Nardo, la 61enne considerata la mente e la mandante dell'omicidio del marito Eliseo David narcotizzato e soffocato nel suo letto la notte tra il 15 e il 16 settembre scorso, e del suo primo marito Ottorino Tonon, annegato in un lago in Australia 39 anni fa. Sally, che fu la prima a entrare nella camera del patrigno che lei dolcemente ha sempre chiamato papà, è apparsa la più lucida e puntuale nel parlare con gli investigatori, nonostante sia affetta da un leggero disturbo mentale di personalità. Su di lei infatti, che lunedì scorso è crollata dalla pressione e dal dolore derivante dalla tragedia ed è stata trasportata in ospedale per essere sottoposta alle cure del caso, si stanno concentrando le preoccupazioni maggiori. In realtà è la vera vittima di questo fatto delittuoso, e se la madre verrà condannata per l'accusa di omicidio volontario premeditato, Sally sarà anche la persona che erediterà il patrimonio di Eliseo David. E proprio per evitare che qualcuno approfitti della situazione per accaparrarsi l'eredità, la Procura ha intenzione di opporsi alle richieste di parenti e servizi sociali di diventare curatori del patrimonio per conto di Sally, proprio perchè la 40enne, seppur affetta da un leggero disturbo di personalità, è autonoma e in grado di poter gestire il patrimonio che erediterà. Una scelta, quella della Procura, che vuol fare in modo che questo omicidio non diventi un dramma nel dramma.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
22/09/2010 - Marin non agi' da solo
21/09/2010 - Soffocato, lenta agonia
20/09/2010 - I carnefici dal giudice
19/09/2010 - Doveva morire anche Sally
18/09/2010 - Omicidio, indaga l'Interpol
17/09/2010 - Gia' anticipati 100 mila euro
17/09/2010 - Avevano pianificato tutto
16/09/2010 - Omicidio, arrestata la moglie
16/09/2010 - Delitto di via delle Acacie
16/09/2010 - Una tragedia inspiegabile
16/09/2010 - Narcotizzato e soffocato