Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In manette il 34enne macedone Musli Ojmer

PRESO IL "RE DEL TERRAGLIO"

Latitante, aveva gestito un giro di prostitute minorenni


ZELARINO - (gp) La squadra mobile di Venezia ha assicurato alla giustizia Musli Ojmer, 34enne macedone latitante dopo una condanna a 7 anni e 11 mesi per aver gestito una tratta di minorenni che si prostituivano sul Terraglio. I poliziotti lo hanno trovato in un appartamento di Zelarino e lui, per assicurarsi una latitanza tranquilla, si era procurato un passaporto che lo ritraeva come un cittadino bulgaro. Ma l'uomo, che era tornato in Italia per riprendere la sua attività, è stato smascherato e portato in carcere. Tra il 2004 e il 2005 Musli, detto il "Re del Terraglio", era diventato il capo di un'organizzazione, con una decina di connazionali, che gestiva il giro delle prostitute minorenni lungo la statale che collega Mestre a Treviso.