Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A rischio posti di lavoro, inaugurazione rinviata

BOCCIATO OUTLET DI RONCADE

Consiglio di Stato accoglie ricorso di Iper Gara


RONCADE - (nc) Outlet di Roncade bocciato dal Consiglio di Stato: la giustizia amministrativa in sede d'appello ha dato ragione ad Iper Gara, il gruppo che gestisce il concorrente centro commerciale Tiziano ad Olmi. Non osservanza delle norme sulla concentrazione di precedenti centri commerciali: questo il motivo della sentenza espressa nei confronti della Lefim spa, società proprietaria dell'outlet di Roncade controllata dal Gruppo Basso. A rischio così centinaia di posti di lavoro mentre l'apertura che era prevista per la prossima primavera (dopo il rinvio deciso lo scorso anno a causa della crisi) è ora una chimera. Ora il rischio è che la struttura, la più grande del Veneto, possa diventare una sorta di cattedrale nel deserto. Gli altri due ricorsi simili pendenti rendono questa eventualità sempre più probabile.