Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio un 30enne di Breda di Piave

PIROMANE A PROCESSO

Avrebbe incendiato il garage di un vicino per punirlo


BREDA DI PIAVE – (gp) E' stato rinviato a giudizio con l'accusa di incendio doloso un 30enne di Breda di Piave reo, secondo il pm Francesca Torri, di essere stato lui ad appiccare le fiamme nei garage del suo condominio per vendicarsi dei cattivi rapporti che aveva con un condòmino. Il giovane ha sempre respinto le accuse affermando di non c'entrare nulla con il rogo, avvenuto il 30 giugno del 2009 nello stabile di via Generale Dalla Chiesa a Breda. Le indagini successive all'evento provarono però che le fiamme erano di natura dolosa, e il 30enne, l'unico a rimanere ferito nell'incendio tanto da dover essere ricoverato al centro grandi ustionati di Padova, è considerato l'autore del gesto. Dovrà presentarsi davanti al giudice il prossimo 12 gennaio per affrontare il processo, che si presenta puramente indiziario, anche se la procura è convinta che le tempistiche, le lesioni riportate dal ragazzo al volto e alle mani e alcune testimonianze di altri condòmini lo incastrerebbero. Il giovane ha detto di essere rimasto ferito nel tentativo di salvare la propria auto e di spegnere l'incendio, ma per gli inquirenti sarebbe stata invece la causa di un ritorno di fiamma che lo ha investito proprio mentre stava appiccando l'incendio con del liquido infiammabile.