Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Nel pomeriggio il vertice tra le parti in Provincia

TRASPORTI, TOCCA ALLE SCUOLE

Non è possibile aumentare il numero delle corse


TREVISO - (mz) Troppo complesso ormai moltiplicare le corse delle corriere, saranno le scuole a cercare di adattare i tempi delle lezioni. In attesa di ridefinire il piano degli orari di viaggio l'anno prossimo. E' questo il compromesso uscito dal vertice svoltosi in Provincia: l'assessore ai Trasporti Michele Noal e la dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale Maria Giuliana Bigardi si sono incontrati con presidi di gran parte degli istituti superiori della Marca e con i manager delle società di trasporto locale. Obiettivo conciliare le lezioni da 60 minuti imposte dal Ministero e le partenze dei bus: molti studenti rischiano di attendere ore prima di poter tornare a casa. La fascia più a rischio è quella delle 14. Le aziende, però, hanno fatto presente che in quel lasso tutti i mezzi disponibili sono già in servizio ed aggiungere ulteriori corse, con relativo personale, è impossibile.

Tocca, dunque, alle scuole. Nei prossimi giorni una serie di ulteriori riunioni ristrette cercheranno di mettere a punto almeno una soluzione tampone per superare l'impasse. Due le ipotesi: decurtare solo le ultime ore (possibilità prevista per esigenze organizzative) e recuperare nei rientri pomeridiani.

Ai nostri microfoni l'assessore provinciale ai Trasporti, Michele Noal e la professoressa Maria Giuliana Bigardi, dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale.