Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fiom-Cgil:in piazza contro l'accordo separato

LA MARCIA DEI MILLE

Anche i metalmeccanici di Treviso a Roma


TREVISO - (st) Saranno in mille i lavoratori trevigiani a partire domani mattina di buon ora in direzione Roma per manifestare contro l'intesa separata sulla derogabilità del contratto nazionale siglata con il patto di Pomigliano tra Marchionne, presidente Fiat, Cisl e Uil. Secondo il responsabile della Fiom, la federazione che rappresenta la categoria dei metalmeccanici all'interno della Cgil di Treviso, Elio Boldo “La firma dell'accordo da parte degli altri due maggiori sindacati espone i lavoratori a rischi elevatissimi e aver avvallato strumenti in deroga per la gestione di orari di lavoro, straordinari e retribuzioni non permette di avere certezze reali sul futuro dei lavoratori. «Se dopo la nostra protesta non si muoverà qualcosa – commenta ancora Boldo citando il Segretario generale Cgil Epifani – saremo pronti a scendere di nuovo in piazza a il 27 Novembre». Opinione condivisa anche dai metalmeccanici della Marca: 700 saliranno sulle 15 corriere organizzate dalla Fiom do Treviso, 200 si muoveranno in treno mentre un altro centinaio raggiungerà Roma con i proprio mezzi.