Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato di peculato per un buco di 100 mila euro

FUNZIONARIO DAL GIUDICE

Ufficiale giudiziario dal gup il prossimo 15 febbraio


TREVISO – (gp) Dovrà presentarsi davanti al gup Elena Rossi il prossimo 15 febbraio Angelo Grimaldi, l'ufficiale giudiziario in servizio all'Unep, l'ufficio notificazione, esecuzione e protesti della sede distaccata di Castefranco Veneto del tribunale, per rispondere dell'accusa di peculato. Secondo l'accusa l'uomo, nel giro di sei anni, sarebbe riuscito a creare un buco di 100 mila euro nelle casse della giustizia trevigiana, stornando dalla cassa di volta in volta il denaro proveniente dai pagamenti di debiti intimati, dai bollettini di versamento e dai diritti di notifica. L'ufficiale giudiziario avrebbe poi omesso anche di effettuare i versamenti dovuti allo Stato. Un'inchiesta nata quasi per caso quella coordinata dal sostituto procuratore Iuri De Biasi, venuta alla luce in seguito a un'ispezione del ministero in merito a un semplice controllo di routine.