Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Innocente il sindaco di San Polo Vittorio Andretta

MANIFESTI ABUSIVI, ASSOLTO

Accusati anche Angelo Facchin e Claudio De Prà


TREVISO – (gp) Accusato di affissione abusiva di manifesti durante la campagna elettorale del giugno 2009, il sindaco di San Polo di Piave Vittorio Andretta è stato assolto con formula piena. Il primo cittadino del comune del trevigiano era stato iscritto nel registro degli indagati assieme al candidato sindaco di San Polo di Piave, Angelo Facchin, e al candidato sindaco di Ormelle, Claudio De Prà: Tutti e tre erano stati raggiunti da un decreto penale di condanna quantificato in 400 euro di multa, e al quale tutti hanno fatto opposizione. La prima sentenza emessa dal giudice Michele Vitale ha dato ragione al sindaco Andretta. Le altre due opposizioni verranno discusse nei prossimi giorni, ma si presume che la sentenza, che ha fatto riferimento alla legge 212 del 1956 che definisce le norme per l'affissione di manifesti di propaganda elettorale, potrebbe essere identica anche gli altri due candidati sindaci. I fatti risalgono al giugno 2009 quando i carabinieri di San Polo di Piave denunciarono i tre esponenti politici dopo aver trovato i manifesti, considerati affissi abusivamente, sulle vetrate dello stabile di piazza Florida a San Polo, sede della lista civica “San Polo Viva!” con cui si era candidato Angelo Facchin, sulle vetrate dello stabile di viale della Repubblica sempre a San Polo, sede della lista civica “Nuova San Polo” con cui si era candidato Vittorio Andretta, e sulle vetrate dello stabile di via Roma a Ormelle, sede della lista civica “Ormelle per la libertà” che aveva come candidato sindaco Claudio De Prà. In sede di giudizio, non sono state riscontrate irregolarità riguardo la normativa che disciplina la propaganda elettorale.