Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannati romeni Daniel Raducan e Cornelia Ciudin

MINACCIANO LUCCIOLA, 60 MESI

Volevano soldi per lasciarla prostituire sulla Castellana


TREVISO – (gp) L'avevano minacciata di morte se non avesse pagato una sorta di pizzo per poter occupare un posto lungo la Castellana per prostituirsi. Ma lei, giovane lucciola romena, si è opposta e li ha denunciati. Per l'accusa di tentata estorsione, derubricata poi a processo in esercizio arbitrario delle proprie ragioni, sono stati condannati a due anni e sei mesi ciascuno Cornelia Ciudin, 30enne romena, e Daniel Raducan, 31 anni anche lui romeno. Era il giugno del 2007 quando a Castelfranco Veneto i due avevano avvicinato la prostituta, che veniva a vendere il suo corpo a Treviso da San Martino di Lupari. “Se non paghi ti faccio investire con la Z4 che ho fatto rubare” le avrebbero detto, stando al capo d'imputazione. E la cifra per l'affitto del posto sarebbe stata 70 euro al giorno, o meglio, per ogni volta che l'avrebbe occupato per svolgere la sua attività. Una richiesta fin troppo esplicita di denaro che la giovane prostituta non solo non ha consegnato, ma ha raccontato tutto alle forze dell'ordine che hanno identificato i due presunti estorsori.