Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Terzo trimestre positivo per gli hotel trevigiani

IL TURISMO NON SENTE LA CRISI

"Camere più piene senza svendere i prezzi"


TURISMO - (mz) Turismo in controtendenza. Il settore trevigiano regge bene alla crisi: hotel e ristoranti trevigiani archiviano un terzo trimestre dell'anno con indicatori in rialzo. Il tasso di occupazione delle camere è aumentato rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, nonostante i prezzi medi praticati non siano in discesa. Segno che per riempire le stanze non è stato necessario “svendere”. Di conseguenza la redditività delle aziende si mantiene su buoni livelli. Dopo una primavera all'insegna del successo delle mostre su Giorgione e Cima, il calo fisiologico di luglio e agosto (la Marca non è meta per le ferie) è compensato dal rialzo di settembre. Risultato di buon auspicio per l'autunno, tradizionale alta stagione per il comparto locale.

Ai nostri microfoni illustra la situazione del turismo di Marca, il presidente provinciale di Federalberghi, Federico Capraro.