Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vietato il "bruco" a un bambino autistico di 8 anni

DISCRIMINATO A GARDALAND

L'addetto lo avrebbe fermato per motivi di sicurezza


CONEGLIANO – (gp) “Nostro figlio è stato discriminato a Gardaland”. E' l'accusa pesante lanciata contro il parco di divertimenti veronese dai genitore di un bimbo di 8 anni, affetto da autismo. Secondo il racconto della coppia, dopo aver fatto la fila al “bruco”, al momento di salire sull'attrazione l'addetto avrebbe bloccato il ragazzino dicendo che non poteva salire per ragioni di sicurezza. A quel punto le persone in fila si sono schierate con il bambino chiedendo di fargli fare un giro in giostra, ma un altro addetto è intervenuto allontanando la madre e il bimbo dicendo che stavano creando disturbo. Immediata la denuncia dell'episodio da parte dei coniugi trevigiani ma dai responsabili di Gardaland emerge che da parte loro quanto successo non risulta, ma si dicono disponibili a chiarire il malinteso e a incontrare i genitori del piccolo.