Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Uno studio tra le aziende del settore

LEGNO-ARREDO PUNTA SUL VERDE

Prodotti "ecologici" e informazione contro la crisi


TREVISO - (mz) Il legno arredo trevigiano punta sul “low cost” di qualità e sulla sostenibilità ambientale: un segmento che vale già oggi tra il 30 e il 40 per cento del mercato. Per fronteggiare la crisi le aziende sono impegnate a controllare anche le fasi post-produzione: troppo tardi creare una catena commerciale, l'obiettivo è informare il consumatore finale per sensibilizzarlo all'acquisto di prodotti ecocompatibili.

Una ricerca, promossa dall'Ires, in collaborazione con Fillea Cgil e Federlegno, ha sondato sette aziende del settore tra Veneto e Friuli: l'utilizzo di materie prime certificate e di processi produttivi meno inquinanti può rappresentare un fattore di successo competitivo e può essere attuato anche dalle pmi. Oltre ad avere risvolti benefici sull'occupazione. Ai nostri microfoni la curatrice dell'indagine, la ricercatrice dell'università di Padova, Valentina De Marchi.