Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Uno studio tra le aziende del settore

LEGNO-ARREDO PUNTA SUL VERDE

Prodotti "ecologici" e informazione contro la crisi


TREVISO - (mz) Il legno arredo trevigiano punta sul “low cost” di qualità e sulla sostenibilità ambientale: un segmento che vale già oggi tra il 30 e il 40 per cento del mercato. Per fronteggiare la crisi le aziende sono impegnate a controllare anche le fasi post-produzione: troppo tardi creare una catena commerciale, l'obiettivo è informare il consumatore finale per sensibilizzarlo all'acquisto di prodotti ecocompatibili.

Una ricerca, promossa dall'Ires, in collaborazione con Fillea Cgil e Federlegno, ha sondato sette aziende del settore tra Veneto e Friuli: l'utilizzo di materie prime certificate e di processi produttivi meno inquinanti può rappresentare un fattore di successo competitivo e può essere attuato anche dalle pmi. Oltre ad avere risvolti benefici sull'occupazione. Ai nostri microfoni la curatrice dell'indagine, la ricercatrice dell'università di Padova, Valentina De Marchi.