Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Uno studio tra le aziende del settore

LEGNO-ARREDO PUNTA SUL VERDE

Prodotti "ecologici" e informazione contro la crisi


TREVISO - (mz) Il legno arredo trevigiano punta sul “low cost” di qualità e sulla sostenibilità ambientale: un segmento che vale già oggi tra il 30 e il 40 per cento del mercato. Per fronteggiare la crisi le aziende sono impegnate a controllare anche le fasi post-produzione: troppo tardi creare una catena commerciale, l'obiettivo è informare il consumatore finale per sensibilizzarlo all'acquisto di prodotti ecocompatibili.

Una ricerca, promossa dall'Ires, in collaborazione con Fillea Cgil e Federlegno, ha sondato sette aziende del settore tra Veneto e Friuli: l'utilizzo di materie prime certificate e di processi produttivi meno inquinanti può rappresentare un fattore di successo competitivo e può essere attuato anche dalle pmi. Oltre ad avere risvolti benefici sull'occupazione. Ai nostri microfoni la curatrice dell'indagine, la ricercatrice dell'università di Padova, Valentina De Marchi.