Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La fotografia di Jim Goldberg fino al 30 gennaio

LA NUOVA GALLERIA CIVICA

Inaugurata a Pordenone, è dedicata all'arte moderna


PORDENONE - (ag) La città di Pordenone ha inaugurato sabato 6 novembre la sezione contemporanea della nuova galleria civica d'Arte moderna e contemporanea, con un'esposizione fotografica di eccezione. Dal 7 novembre al 30 gennaio 2011 sarà protagonista di questo nuovo spazio l'americano Jim Goldberg, membro dell'agenzia fotografica Magnum Photos, con 300 opere tra fotografie ed installazioni video che ripercorrono le tappe fondamentali del suo percorso artistico. Si tratta infatti della prima grande monografica italiana di Goldberg, artista di riferimento dei nostri tempi, che vanta numerosi riconoscimenti per la fotografia: due volte vincitore del premio Hasselbald, nel 1980 e nel 2001, e vincitore, nel 2007, del Premio Henri Cartier-Bresson. La mostra, curata da Valerie Fougeirol e Marco Minuz, ci propone tre differenti progetti della sua carriera. Si inizia da “Rich and poor”, lavoro sviluppato tra il 1977 e il 1985, che testimonia gli estremi della condizione sociale ed economica della società americana: nello sfondo delle proprie abitazioni Goldberg propone scatti di emarginati, giovani sbandati e famiglie al lastrico, contrapposti a fotografie che ci presentano famiglie della ricca borghesia, di giovani o anziani benestanti. Un progetto che trova la sua forza nell'affiancamento della parola all'immagine, dove chi scrive è proprio il soggetto fotografato che, esprimendo le sue aspirazioni o disillusioni, svela la fragilità psicologica della sua condizione. Interamente incentrato sulla realtà degli outsider è il progetto successivo, “Raised by woves”, volto a indagare le vicende umane di una giovane ragazza scappata di casa che, come altri suoi coetanei disagiati, ha scelto di vivere la strada. Una vita che viene presentata in una raccolta atomizzata di immagini, video, disegni, oggetti personali, in un progetto che restituisce i dettagli, ma rifugge, come in un naufragio, a una comprensione organica di questa loro realtà. Più vicino al reportage è invece “Open See”, lavoro del 2003, che documenta l'esperienza di vita di persone che vivono in paesi oppressi dalla guerra, dalla violenza e dalla povertà. Dall'Africa, come dall'Asia o dal Medio Oriente, scatti di tragicità, volti di adulti e bambini che cercano vie di fuga e che vedono nell'occidente l'unica possibilità di riscatto. Troviamo ancora un approccio eclettico nella ricerca espressiva, attraverso una proposta che spazia dalla fotografia, alla polaroid, dai video, all'utilizzo di testi ed oggetti. Un avvio quello del Parco, Pordenone Arte Contemporanea, di grande richiamo. Due le sedi che si integrano reciprocamente all'interno del centro storico di Pordenone in via Bertossi 9: allo spazio che ospita la mostra di Jim Goldberg, si affianca la sede principale progettata ex novo ed inserita all'interno di Parco Galvani, dove verrà ospitata, da sabato 14 novembre, la mostra su Corrado Cagli. Le due esposizioni, ad ingresso gratuito, sono visitabili anche nei giorni festivi, fino al 30 gennaio 2011. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.artemodernapordenone.it