Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Una dozzina le famiglie coinvolti, risparmi in fumo

BEFFATI DAL CRACK LEHMANN

I trevigiani avrebbero perso in media 100mila euro


TREVISO - (mz) Quasi centomila euro a testa. Tanto hanno perso, in media, i risparmiatori trevigiani coinvolti nel crack Lehman Brother’s, la banca d’affari statunitense travolta dalla crisi finanziaria. L’Adiconsum di Treviso, associazione di consumatori legata alla Cisl, ha raccolto finora una dozzina di segnalazioni di famiglie della Marca che hanno visto volatilizzarsi la liquidazione o i risparmi di una vita, investiti in obbligazioni dell’istituto americano. Un titolo ritenuto sicuro e che, come tale, ha continuato ad essere venduto dalle banche locali fino a poche settimane prima del fallimento, dichiarato nel settembre 2008. L’Adiconsum ha organizzato un incontro per valutare le possibili mosse per recuperare i capitali spariti. Ai nostri microfoni, illustra le possibili strategie il legale che per conto dell’organizzazione sta seguendo la vicenda nelle provincie di Treviso, Venezia e Belluno, l’avvocato Antonio Rebesco. Il primo punto sarà verificare se le banche venditrici hanno rispettato tutte le procedure e informato correttamente i clienti. Come ricorda, uno dei responsabili dell’Adiconsum, Roberto Nardo.